Federico Caprilli: Tra storia e romanzo

Federico Caprilli: Tra storia e romanzo

Prezzo di listino
€0,00
Prezzo scontato
€0,00
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Spedizione calcolata al momento del pagamento.

SCARICA IN PDF

DI GABRIELE BENUCCI

Parlare di Federico Caprilli significa raccontare del militare sinceramente ed instancabilmente dedito al dovere, del teorizzatore e sperimentatore inesauribile della tecnica equestre, dell'istruttore paziente e disponibile; ma vuol dire anche trattare di uno dei primissimi esempi di campione sportivo amato dalle folle, un uomo dalla battuta pronta e caustica, del tombeur de Femme. Significa Insomma affrontare un personaggio sfaccettato che per molti aspetti ci ricorda il Cyrano de Bergerac di Rostand. E proprio il drammaturgo francese in un suo verso afferma che l'epitaffio di ogni cavaliere dovrebbe essere "mort a chaval et au galopp": ufficialmente Caprilli morì cadendo da un morello che andava al trotto. Ma la "vulgata" sussurra molto altro sulla morte e sulla vita del Livornese che inventò l'equitazione moderna.
Romanzesca fu, in effetti, la vita di Caprilli, tanto che dietro le biografie più o meno ufficiali restano celati amori passionali, figure di nobildonne, attrici e mariti traditi; ma anche storia di sfide olimpiche, di militari gelosi e promozioni negate. Fino al mistero più grande: quello che dal 1907 circonda la sua morte avvenuta a Torino in circostanze mai del tutto chiarite. È per questo che raccontare di Federico Caprilli significa muoversi tra storia e romanzo, tra fatti reali e voci mai confermate, tra certezze concrete ed ipotesi costruite a tavolino; fermo restando la finalità di rendere nel modo più completo possibile la storia del "Cavaliere dei Cavalieri".

 

SULLO STESSO ARGOMENTO:

Federico Caprilli. Vita e scritti

Federico Caprilli. Il cavaliere volante