L'ippodromo nel cuore di Livorno. Il «Federico Caprilli» raccontato in 13 storie

L'8 novembre 2021 i cavalli sono tornati a calcare la pista dell'ippodromo "Federico Caprilli" di Livorno, dopo 5 anni di inattività. Da questo evento ho preso spunto per parlare con Enrico Querci (che ringrazio per la sua totale disponibilità) del suo libro "L'ippodromo nel cuore di Livorno. Il «Federico Caprilli» raccontato in 13 storie".

 

Ippodromo “Caprilli”: parlacene un po'!
Quando ero bambino la sera della Coppa del mare era veramente un Natale d’agosto!
Questo, in estrema sintesi, è quanto ha rappresentato per Livorno e i livornesi l’ippodromo “Federico Caprilli”. Un luogo dove si svolgeva un rito che celebrava come protagonista il Cavallo, rendendo la routine delle corse qualcosa di straordinario. Il luogo certamente aveva la sua importanza con il mare proprio lì, a due passi dalla curva che guarda l’Ardenza. Il Caprilli, però, ha chiuso i battenti per 5 anni: dal 26 dicembre 2015 all’8 novembre 2021. (Il libro è uscito prima della riapertura)

 

Come è nata l’idea o l’esigenza di scrivere questo libro?
La chiusura dell’ippodromo ha cambiato la vita di chi ci lavorava e, spesso, ci viveva. Questo mi ha spinto a raccontare questo vuoto attraverso la voce di alcuni di coloro che sono stati protagonisti della sua storia. Sono persone di varie età, uomini e donne, che per scelta o per semplice flusso delle loro vite familiari hanno fatto parte di quella comunità che si affacciava in via dei Pensieri e ci offrono l’occasione di scoprire come in questi ultimi cinquant’anni il ‘Caprilli’ non sia stato solo un luogo di lavoro, ma anche una famiglia estesa, per alcuni l’unica. Un viaggio nella memoria recente di un ippodromo che per molti versi è il cuore di Livorno.

 

Qualche giorno fa l'ippodromo ha ripreso la sua attività, quali sono state le emozioni e le sensazioni alla riapertura?
I livornesi erano in una sorta di crisi d’astinenza da “Federico Caprilli” e io pure, tanto che ho forzato un po’ i tempi per l’uscita del libro, dato che sembrava che la riapertura fosse possibile a metà luglio.
Ringrazio Pacini Editore che ha accolto le mie richieste e in collaborazione con il Comune di Livorno e la Fondazione LEM, la presentazione del libro è avvenuta all’interno della manifestazione “Martingala” che si è tenuta su di un palco allestito proprio nel parterre del “Caprilli”: non di rado sono presenti alla presentazione di un libro 200 persone e questo è avvenuto anche perché si è data la possibilità di entrare all’ippodromo in “anteprima”!
Quando l’8 novembre i cavalli sono tornati di nuovo in pista, è stata proprio una festa per Livorno e la gente che è accorsa numerosissima aveva il sorriso stampato in faccia. È stato bello ritrovarsi in un luogo a noi così caro, rivedere gli amici di sempre in quel contesto. Ci è mancato di baciarci sulle guance e scambiarci gli auguri, proprio come fosse un Natale!
Dello stesso Autore:

L'ippodromo nel cuore di Livorno. Il «Federico Caprilli» raccontato in 13 storie

Laghat. Il cavallo normalmente diverso